E-MAIL E CITAZIONI

CONSULTATE LE PAGINE DI APPROFONDIMENTO CLICCANDO SUI TITOLI QUI SOPRA ^
PER CONTATTI, INFORMAZIONI, SUGGERIMENTI O CRITICHE POTETE SCRIVERE ALL'E-MAIL: fm.autostop@gmail.com

Non puoi risolvere un problema con la stessa mentalità che l’ha generato.
Albert Einstein


Se vuoi essere universale, parla del tuo villaggio.
Lev Tolstoj


Lei è all'orizzonte. Mi avvicino di due passi, lei si allontana di due passi.
Cammino per dieci passi e l'orizzonte si sposta di dieci passi più in là.
Per quanto io cammini, non la raggiungerò mai.
A cosa serve l'UTOPIA?
Serve proprio a questo: a camminare.
Eduardo Galeano


domenica 10 giugno 2018

IL “PIEDIBUS” A LANCIANO: STORIA, VANTAGGI E PROSPETTIVE DI UN MODO NUOVO DI INTENDERE LA CITTA’ (fotoracconto)


IL “PIEDIBUS” A LANCIANO: STORIA, VANTAGGI E PROSPETTIVE DI UN MODO NUOVO DI INTENDERE LA CITTA’ (fotoracconto)
[PREMESSA PER CHI E'INTERESSATO A PARTECIPARE O COLLABORARE PER IL NUOVO ANNO SCOLASTICO 2018-2019: CLICCANDO SUL SEGUENTE LINK LAVENUM PIEDIBUS SI POSSONO TROVARE TUTTE LE INFORMAZIONI PER FARLO].
.
Il 4, 5 e 6 giugno si sono svolte a Lanciano tre giornate dimostrative sul funzionamento del PIEDIBUS, che hanno riscosso un successo crescente sia nel numero dei partecipanti (più che raddoppiati dal giorno di esordio) che nella soddisfazione di tutti gli aderenti, primi fra tutti naturalmente gli scolari.
Qui di seguito vengono riassunti tutti gli aspetti di questo progetto in modo da permettere soprattutto ai genitori di avere un quadro chiaro dell’iniziativa e quindi favorirne l’adesione consapevole.
4 GIUGNO, il raduno del primo giorno.


6 GIUGNO, terzo giorno: il numero è più che raddoppiato. Alla fine saremo quasi cinquanta!


COS’E’ IL PIEDIBUS

Il “Piedibus” è una modalità di trasporto scolastico sana, educativa, economica, ecologica e socializzante che consiste nel percorrere a piedi itinerari sicuri insieme ai bambini e ai ragazzi in piccoli gruppi, favorendo la loro autonomia nel promuovere lo svolgimento del percorso da casa a scuola e da scuola a casa, in compagnia e in allegria.

L’iniziativa prevede il coinvolgimento di alunni, genitori, docenti e volontari accompagnatori in collaborazione con l’Amministrazione Comunale locale.

In base alla provenienza dei partecipanti ed alla localizzazione delle scuole di destinazione, vengono stabiliti dei punti di raccolta dai quali partono le carovane che possono prevedere delle fermate intermedie per “caricare” altri passeggeri che abitano lungo il percorso. All’occorrenza può essere organizzato anche il trasporto degli zaini o mediante trolley individuali oppure utilizzando un apposito carrello collettivo.

Il “Piedibus” viene già praticato da anni in centinaia di Comuni italiani, da nord a sud, con un successo sempre crescente (per approfondimenti visita il sito https://www.piedibus.it/ ). 



I VANTAGGI DEL PIEDIBUS (dal sito “piedibus.it)


Vantaggi per i genitori

contribuisce ad una armoniosa crescita del proprio bambino

favorisce la salute del proprio bambino a lungo termine

contribuisce ad aumentare la sicurezza del traffico negli orari di entrata/uscita da scuola

contribuisce a migliorare la qualità dell’aria, riducendo le emissioni nocive

garantisce più tempo libero perle proprie incombenze, qualora i bambini vadano a scuola da soli

migliora il budget familiare, diminuendo i costi di auto e carburante

è la cosa giusta!


Vantaggi per i bambini

favorisce la salute fisica, attraverso il movimento quotidiano

favorisce l’indipendenza, rendendoli autonomi

aumenta l’autostima e l’equilibrio psichico

sviluppa buone capacità di analisi

stimola la socializzazione

è essenziale per imparare a muoversi in sicurezza

insegna a rispettare gli altri

insegna a conoscere l’ambiente e a rispettarlo

è divertente!!

Vantaggi per la scuola


è un fattore di eccellenza

qualifica la scuola come attenta alle esigenze degli allievi e delle famiglie

contribuisce alla buona salute dei propri allievi

stimola l’attenzione e la concentrazione degli allievi

aumenta la sicurezza stradale della zona, diminuendo il traffico attorno alla scuola

migliora ambiente e qualità dell’aria attorno alla scuola

consente un nuovo uso dello spazio attorno alla scuola, a favore degli allievi e della collettività

è una scelta coraggiosa: la scuola dà l’esempio!


Vantaggi per la città

è un intervento efficace e condiviso di miglioramento della qualità dell’aria

aumenta la qualità della vita degli abitanti della zona

aumenta la sicurezza sulle strade della zona

riqualifica la zona e ne aumenta l’attrattività residenziale

rende ai cittadini spazi pubblici prima occupati dalle autovetture

contribuisce al nuovo modello di sviluppo sostenibile, per la società che lasceremo ai nostri figli.



COM’E’ NATO IL PIEDIBUS A LANCIANO

L’idea di sperimentare il PIEDIBUS a Lanciano, nasce in una delle riunioni di inizio anno del Movimento LAVENUM (Lanciano Verso la Nuova Mobilità) nella quale si sottolinea il ruolo decisivo della mobilità scolastica per il miglioramento della qualità della vita quotidiana all’interno dell’area urbana.




A Lanciano sono presenti decine di Istituti di ogni ordine e grado con migliaia di studenti che quotidianamente vengono accompagnati o si spostano prevalentemente su mezzi a motore. I congestionamenti che si determinano negli orari di entrata ed uscita sono sotto gli occhi di tutti e rappresentano sicuramente un problema sia in termini di inquinamento che di intasamento del traffico.

Tra i possibili e più immediati rimedi a questa situazione abbiamo individuato appunto il PIEDIBUS e quindi come primo passo ci siamo messi a studiare le analoghe esperienze di altri Comuni in Italia per avere suggerimenti e indicazioni da adattare alla nostra realtà.

Attraverso l’iniziativa di due insegnanti che fanno parte del Movimento LAVENUM, Anna Di Feliciantonio per la Scuola Media “Umberto I” e Paola Marrollo per la Scuola Elementare “Rocco Carabba”, e con la collaborazione di altri esponenti quali Raffaele Angelucci e Camillo Trozzi, è cominciato il lavoro di confronto con i Dirigenti scolastici per le autorizzazioni preliminari e quindi di sondaggio dei genitori attraverso la compilazione di specifici moduli per comprenderne disponibilità, esigenze e abitudini di mobilità oltre a individuare i punti di provenienza di ognuno.

Nel frattempo veniva interpellata e coinvolta l’Amministrazione Comunale, altro elemento fondamentale per la buona riuscita dell’esperimento, che attraverso l'impegno diretto dell’Assessore alla mobilità Francesca Caporale e del Consigliere Angelo Laccisaglia faceva in modo di facilitare tutte le operazioni che hanno portato all’esito positivo della dimostrazione del 4, 5 e 6 giugno nelle scuole “Rocco Carabba” e “Umberto I”.

Altri insegnanti, genitori ed esponenti di LAVENUM si sono adoperati con passione in sostegno di questa iniziativa e sicuramente continueranno a farlo in futuro, tra gli altri i docenti Anna Maria Sala, Ines Palena, Lino Di Ciano e Anna Medoro o i volontari Stefano Barbati e Franco Mastrangelo.




Naturalmente siccome si sta lavorando per rendere questa iniziativa stabile, quotidiana e strutturata e per estenderla ad altre scuole, occorreranno molte persone disponibili, il cui numero dovrà essere necessariamente più alto di quelle coinvolte finora.



LE OTTIME PROSPETTIVE DEL PIEDIBUS A LANCIANO

Il Movimento LAVENUM continuerà ad avere il PIEDIBUS tra i principali punti del proprio programma di trasformazione della mobilità urbana verso orizzonti più sani e sostenibili, cercando di ampliare sempre di più il consenso su questi temi.

Un’ultima notizia molto positiva è che qualche giorno fa nel Consiglio d’Istituto del Comprensivo “Umberto I” i genitori hanno deliberato di inserire il progetto PIEDIBUS nel “PTOF” ossia il Piano Triennale dell’Offerta Formativa. Ciò significa strutturare e dare un orizzonte molto più certo e partecipato a questa iniziativa, considerando che l’Istituto comprensivo “Umberto I” conta circa 1300 alunni suddivisi nelle scuole primarie (elementari) “Rocco Carabba” e “Principe di Piemonte” e nella secondaria (media) “Umberto I” oltre che in due scuole dell’infanzia.




COSA FARE PER ADERIRE AL PIEDIBUS

Abbiamo già detto che occorre incrementare sensibilmente il numero di collaboratori del PIEDIBUS se lo vogliamo rendere, come le premesse indicano, un sistema stabile di trasporto scolastico.

Servono insegnanti, servono genitori, servono amministratori, servono volontari e semplici cittadini.

Invitiamo tutte le persone di buona volontà che vogliono dedicare una piccola porzione del loro tempo ad una giusta causa di miglioramento collettivo a contattarci attraverso i seguenti canali:

scrivendo una maillavenum18@gmail.com .

telefonando, mandando un SMS oppure un messaggio whatsapp, al numero 3338113185

contattando personalmente tutte le persone che sono state nominate in questo articolo.

Insomma, se c’è la volontà di fare sicuramente si trova la strada per arrivare.



UNA RIFLESSIONE FINALE

Per contrastare un continuo peggioramento delle condizioni di vita generali, dobbiamo tornare a pratiche e comportamenti che alcuni decenni fa erano normali e naturali, come appunto andare a scuola a piedi.

Certo la situazione oggi è piuttosto deteriorata ed un dato su tutti ne è la riprova eclatante: negli anni Sessanta erano presenti in Italia meno di 2 milioni di autoveicoli, oggi siamo ad oltre 37 milioni con il dato in crescita.

Con questi numeri come possono essere sicure le nostre strade?

Nonostante ciò non dobbiamo e non possiamo arrenderci a questa deriva e quindi tutti insieme abbiamo l'obbligo di ristabilire quella normalità sostenibile che non potrà che giovare ad ognuno di noi.

E ricordiamoci: andare a piedi è quanto di più naturale possa esistere e si arriva molto lontano nelle migliori condizioni.

Franco Mastrangelo



IL FOTO-RACCONTO DI TRE BELLISSIME GIORNATE

4 GIUGNO
Il primo raduno: siamo una ventina, come inizio non c'è male!

W IL PIEDIBUS!


Verso la prima tappa, la Scuola elementare "Rocco Carabba".

Le macchine vengono invitate a dare la precedenza a chi la merita.

Giunti a scuola, una bella sorpresa: il mago Elia!

Il Mago Elia ringrazia con un inchino i bambini soddisfatti.
I più grandi ripartono verso la Scuola media "Umberto I".

Arrivati in perfetto orario grazie al Piedibus.


5 GIUGNO
Secondo raduno per la partenza: siamo sempre di più!



Attraversiamo il vecchio tracciato ferroviario inutilizzato in attesa che venga riusato per il passaggio di bici e persone.

Si attraversa sempre controllati e in sicurezza.

Arrivati a "Rocco Carabba": cosa ci aspetta oggi?


I tiri al canestro in allegria con gli amici di "Azzurra Basket"!

Lungo Viale Cappuccini verso l'"Umberto I".

Pronti per entrare in classe dopo una bella passeggiata.

6 GIUGNO
Terzo e ultimo raduno (per quest'anno scolastico): sempre qualcuno in più!

Avanti battaglion!

Un quadernino e una spilletta col nome in ricordo della bella esperienza.



Vicini alla meta.

Servizio di porta-zaini al seguito…


Contenti di aver partecipato.

Ci rivediamo il prossimo anno scolastico sempre più numerosi!
BUONE VACANZE.


Nessun commento:

Posta un commento